CASA PAOLA


La tipologia di accoglienza della comunità è tecnicamente definibile di “bassa soglia”, ovvero riferibile a quel modello di intervento sociale indirizzato ad adulti e famiglie in situazione di estrema difficoltà, contraddistinto da servizi fondati sulla “riduzione del danno”, sulla prevenzione primaria e sul massimo livello di accessibilità.

La relazione che si instaura e regola la vita comunitaria, pertanto, non è di tipo terapeutico: l’ospite - che non è un utente -  non deve rispettare patti o percorsi particolari, se non quelli finalizzati:

       - al rispetto delle norme che regolano la convivenza

  -ad una presa in carico “leggera” capace di “agganciarsi” a quella dei servizi più specializzati.

 

Gli interventi previsti dal Progetto Personalizzato, pertanto, convergono su quelli definiti dal più ampio lavoro di rete tra le agenzie sociali e socio-sanitarie, che hanno in carico la persona.  Vengono accolti ospiti ambosessi, di ogni età o nazionalità, richiedenti asilo e migranti titolari di permesso di soggiorno, persone senza fissa dimora, donne inserite in progetti di protezione, persone affette da problematiche psichiatriche, famiglie con figli che hanno subito uno sfratto, in generale si tratta di un’accoglienza di prima emergenza. 

Le richieste possono pervenire dai Servizi Sociali dei Comuni, da Associazioni di volontariato od altri organismi del Terzo Settore, Parrocchie e Caritas, cittadini privati. 

Non sono previsti particolari requisiti territoriali, pertanto la provenienza del richiedente ed il Comune di residenza non rappresentano criteri di accesso in comunità.

CASA PAOLA

Comunità di accoglienza

Via Gialdine, 8 – 26036

Rivarolo del Re ed Uniti (CR)

Tel: +39 0375.534023

Mail: latendadicristo@libero.it

Responsabile Legale:

Padre Francesco Zambotti

Direttore:

Pierangela Cattaneo